Canotte Basket Poco Prezzo

Tomas Satoransky, ex giocatore del Barça e attuale base dei Chicago Bulls, ha parlato della situazione del coronavirus negli Stati Uniti e dell’NBA per il canale televisivo sportivo del suo paese Nova Sport e ha assicurato che per lui la soluzione migliore sarebbe quella di annullare la stagione definitivamente.

“A mio avviso, non finiremo la stagione e verrà annullata, ma non dipende da me”, ha ammesso il 28enne reporter Tomas Rambousek. “Non è piacevole stare qui e vedere come i proprietari della squadra cercano di terminare la stagione per non perdere così tanti soldi”. Il giocatore ceco ha confessato che, inoltre, la sua famiglia vuole tornare nel suo paese in questo delicato momento: “Io, mia moglie e mia figlia vorremmo tornare in Repubblica Ceca“.

L’NBA ha inviato una circolare a tutte le squadre spiegando che i giocatori possono lasciare il mercato dell’influenza del loro franchising, ma ha rettificato gli ordini iniziali specificando che gli atleti non dovrebbero lasciare gli Stati Uniti in ogni caso. Con le sale squadra e le palestre anch’esse chiuse per ordine del campionato, Satoransky ha spiegato che fa quello che può in casa: “Ci sono alcuni esercizi che possiamo fare in casa”, ha spiegato l’ex giocatore del Barça, che era tra i ranghi Blaugrana tra 2014 e 2016. “Cerco di mantenermi in forma, anche se la stagione dovrebbe essere finita, perché non mi sento a mio agio nel non fare nulla, provo a seguire un piano.”

Satoransky ha ammesso di essere preoccupato per ciò che vede per le strade di Chicago. “Quando guardo fuori dalla finestra, ho una visione diversa dalla tua nella Repubblica Ceca. Ci sono meno persone, senza dubbio. Tutti i bar e i ristoranti sono chiusi, ma ci sono ancora persone sul marciapiede, persone che portano fuori i cani e bambini che giocano fuori “, spiega il giocatore dei Bulls. “Puoi ancora notare che la gente non la prende troppo sul serio e non vedi troppe persone per strada che indossano maschere, è una delle cose che ci rende più nervosi”.

Finora, né l’NBA né le agenzie sanitarie negli Stati Uniti hanno fatto una previsione di cancellazione oltre la moratoria di due mesi che il CDC ha raccomandato per qualsiasi riunione di oltre 50 persone, il che ovviamente influenza l’enorme la maggior parte degli eventi sportivi nel paese. La lega spera di riprendere al meglio la competizione a fine giugno.